30 – SUPPOSIZIONE

Un colpo è partito, si è sentito forte e chiaro, in quel labirinto di specchi che è la foresta. E gli effetti della preda colpita si riflettono su chi ha preso la mira.

Come potete ascoltare, il fruscio è prodotto dalla fuga è quello dell’anima. Nessun pathos. Solo spari e specchi. Asserzioni di effetti uditivi e visivi, che producono dubbi. Supposizioni.

“Io” (illeso, sfiorato nemmeno!) cade disastrosamente colpito.

Annunci

Un Commento

  1. Pingback: 56 – DI UN LUOGO PRECISO, DESCRITTO PER ENUMERAZIONE | Il Conte di Kevenhüller

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...