39 – LA VIPERA | 40 – LA VITA

Serpi promesse

Eccole insieme: bifide. Le due punte della stessa lingua. Una lingua che suona simile e solo in un punto trova coincidenza perfetta. Un solo verso identico (gli altri tutti in assonanza): “Per quanto sia cauto il tuo passo”. Passo come quello della gamba e del piede nella prima; nella seconda il tuo passo è quello del passaggio di te, singolo individuo, attraverso l’esperienza insidiosa dell’essere al mondo. Una esperienza micidiale, dal finale scontato.

La vita uccide

Riuscire. Come l’uscire-di-nuovo della vipera da sotto il sasso. Come la riuscita di tutto quel che attendiamo dal passo della vita. Riuscirà, riusciremo. “Ti riuscirà”. Straordinaria scelta verbale nei versi di chiusura. La vita “…ti riuscirà mortale”. Vedrai: ce la farai; ce la farà. Se l’agguato della vipera può riuscirti mortale, l’insidia della vita non lascia dubbi. Brutto da sentire la domenica mattina di una quasi primavera?

Chiudi la pagina. Respira.

E’ bella. L’insidia della vita invita.

Bello il suo flagello.

Annunci

Un Commento

  1. Pingback: VERSI VACANTI | Il Conte di Kevenhüller

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...